Silene

by Silene

/
  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    ….. di fiore in fiore ……


    Come api, voliamo in modo disordinato su una distesa di canti di tradizione, da un paese all’altro, da un tema all’altro, da una melodia ad un’altra, per innamoramenti successivi, attratti irresistibilmente dalla prossima canzone.
    Ma nel disordine un po' anarchico del nostro volo alla fine appare un disegno, un filo che unisce una canzone all'altra, un luogo all'altro. E' il nostro comune sentire di esseri umani noi che da sempre sotto il sole amiamo, soffriamo, gioiamo.
    Nella diversità delle melodie e dei testi si può scorgere il volto dell'Uomo che si incarna negli archetipi che informano profondamente la tradizione popolare.
    Archetipi che la nostra civiltà ha un grande bisogno di riscoprire per trovare il senso di una convivenza fraterna su questo meraviglioso pianeta.

    Includes unlimited streaming of Silene via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ... more
    ships out within 2 days

      €15 EUR or more 

     

  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €9.50 EUR  or more

     

  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    Percorso incoerente tra canti di tradizione.
    by Pina Sabatini e Sandro Del Duca

    Includes unlimited streaming of Silene via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 2 days

      €15 EUR or more 

     

1.
2.
04:31
3.
4.
5.
6.
7.
8.
04:27
9.
04:06
10.
11.
12.
13.
14.
15.
05:33

about

Come api, voliamo in modo disordinato su una distesa di canti di tradizione, da un paese all’altro, da un tema all’altro, da una melodia ad un’altra, per innamoramenti successivi, attratti irresistibilmente dalla prossima canzone.
Ma nel disordine un po' anarchico del nostro volo alla fine appare un disegno, un filo che unisce una canzone all'altra, un luogo all'altro. E' il nostro comune sentire di esseri umani noi che da sempre sotto il sole amiamo, soffriamo, gioiamo.
Nella diversità delle melodie e dei testi si può scorgere il volto dell'Uomo che si incarna negli archetipi che sono insiti profondamente nella tradizione popolare.
Archetipi che la nostra civiltà ha un grande bisogno di riscoprire per trovare il senso di ciascuna esistenza e di una convivenza fraterna su questo meraviglioso pianeta.


Sandro Del Duca e Pina Sabatini scoprono l'interesse per la musica popolare all'interno del gruppo “Al Tei” del quale fanno parte. Entrambi hanno una formazione accademica, essendo diplomati in Conservatorio ed avendo seguito corsi e master classes nell'ambito della musica classica. Con il gruppo “Al Tei” hanno all’attivo numerosissimi concerti e cinque cd pubblicati sulla musica tradizionale Natalizia di molti paesi. A questo punto del loro percorso hanno deciso di allargare l’esperienza sul Natale, che li ha portati ad esplorare la propria tradizione e a metterla in relazione con molte altre, affrontando ora la vita e i suoi temi di sempre, l’amore, la nostalgia, il viaggio, questioni ancestrali, comuni a tutte le tradizioni di ogni latitudine. E’ stato interessante confrontarle, riflettere, cogliere differenze e similitudini, scoprirci così simili e così ricchi di diversità.

credits

released November 14, 2014

I nostri fiori:

1. La bella noeva. La bella noeva è bella e antica...un canto tradizionale proveniente dalla zona delle quattro province (Alessandria, Genova, Pavia e Piacenza). Con questo brano iniziamo a raccontarvi le nostre belle notizie e vi invitiamo a viaggiare sulle ali della musica...
2. El Mariner, canto tradizionale Catalano. Così prosegue il viaggio, una fanciulla, un marinaio, una nave, le vele al vento e una promessa di felicità.
3. Rossignolet, tradizionale in varianti francese e canadese. Abbiamo preso una melodia tradizionale francese, una canadese ed il testo riportato da Luciano Berio nelle sue folk songs ed eccoci qua a cantare di usignoli selvaggi in uno spiritoso gioco d'amore.

4. Tu bella ca lu tieni lu pettu tunnu, dal nostro maestro ed ispiratore Pino De Vittorio una serie di stornelli delle raccoglitrici d'olive pugliesi. La melodia è stata riportata in quella che probabilmente era la sua forma originale, una sorta di ciaccona.

5. Mi votu e mi rivotu, uno dei più noti e struggenti canti d'amore siciliani.

6. S' to 'pa kai s'to xanalew, dalle isole greche un canto d'amore e di lontananza.

7. Gorizia tu sei maledetta, un canto che è una testimonianza molto nota e toccante contro tutte le guerre.

8. Loch lomond, qui si parla di una guerra ancora più antica e lontana, la battaglia di Culloden nelle Highlands scozzesi nel 1746, sempre generatrice di lutti e separazioni. Il brano è registrato dal vivo.

9. Fiume amaro, una delle più note canzoni del grande Mikis Theodorakis, scritta durante il suo periodo di prigionia durante il regime dei colonnelli. Qui la riportiamo parzialmente alla magnificenza del suo testo originale greco.

10. Wild Mountain Thyme, una dolce, scherzosa e serena canzone d'amore scritta tra Irlanda e Scozia.

11. Tri martolod, uno dei più vigorosi e divertente brani tradizionali bretoni, portato al successo da Alan Stivell

12. Mo ve la bella mia, un brano dal repertorio di Matteo Salvatore, cantante e poeta, uno degli ultimi menestrelli pugliesi, troppe cose sarebbero da scrivere su di lui, andate a cercare notizie, ne vale la pena.

13. Casca la liva, da questo canto delle raccoglitrici d'olive abruzzesi Domenico Modugno ha tratto uno dei più grandi successi ed una delle più belle canzoni della musica leggera italiana, “Amara terra mia”

14. Highland lullaby, una suggestiva ed incantata ninna nanna scozzese, in inglese si potrebbe definire “haunting and mesmerizing” difficile tradurre questa espressione che evoca brughiere percorse dal “piccolo popolo”

15. Kali nifta, è una serenata grica il cui testo è stato composto dal poeta calimerese Vito Domenico Palumbo (1854-1918). La canzone è talmente diffusa da potersi considerare patrimonio popolare della Grecìa salentina.




In questo cd cantano e suonano:

Pina Sabatini: chitarra, chitarra battente e voce;
Sandro Del Duca: flauti e voce;
Piero Bolzan: chitarra elettrica e basso elettrico nelle tracce 1 e 11;
Andrea Da Cortà: mandola, organetto e tin whistle nella traccia 10;
Alberto Mambrini: fisarmonica nelle tracce 6 e 8.

Ringraziamo di cuore Piero Bolzan, nostro fonico di fiducia che, ancora una volta, in questo lavoro si dimostra artista a tutto tondo dando qualche pennellata rock, con i suoi strumenti "elettrici", alle nostre melodie, rigraziamo Andrea Da Cortà oltre che per l'apporto musicale anche perché, in fondo, se il duo Silene esiste è anche merito suo, ringraziamo il maestro Mambrini per l'importante apporto della sua fisa, ringraziamo tutti coloro che ci vogliono bene, apprezzano i nostri sforzi, ci incoraggiano e ci sostengono, ringraziamo voi che avete, speriamo con piacere, questo disco in mano, ringraziamo la musica che colora la nostra vita e...ringraziamo la vita che ci ha dato tanto...(citazione di Violeta Parra)

tags

license

all rights reserved

about

Al Tei Belluno, Italy

contact / help

Contact Al Tei

Streaming and
Download help

Redeem code

Track Name: La bella noeva
La bella noeva

che bella noeva che t'ho purtà
che bella noeva che t'ho purtà
O bel faccin d’amore,
Dimmi che noeva m'hai purtà
Che sei venut’a quest'ora!

E mi la noeva che t'ho purtà,
E mi non so se vi piacerà:
Son qui a domandarvi
A voi bello morettin,
Se volete maritarmi.

O maritarmi non so con chi...
Fortuna si è quella,
A voi bello morettin,
A voi vi donerò l’anello.
Track Name: Mariner
A la vora de la mar
hi ha una donzella,
hi ha una donzella,
que en brodava un mocador;
és per la reina,
és per la reina.

Quan en fou a mic brodar
li manca seda,
li manca seda;.
en veu venir un mariner
que una nau mena,
que una nau mena.

Mariner, bon mariner:
que en porteu seda?
que en porteu seda?
De quin color la voleu,
blanca o vermella?,
blanca o vermella?

Vermelleta la vull jo,
que és millor seda,
que és millor seda.
Vermelleta la vull jo,
que és per la reina,
que és per la reina.

La donzella entra a la nau,
tria la seda,
tria la seda.
Mentre va mercadejant
la nau pren vela,
la nau pren vela.

Mariner, bon mariner,
torneu-me a terra
torneu-me a terra,
perquè els aires de la mar
m'en donen pena
m'en donen pena.

No sou marinera, no,
que en sereu reina,
que en sereu reina,
que sóc el fill del rei
de l'Anglaterra,
de l'Anglaterra.
Track Name: Tu bella ca lu tieni lu pettu tunnu.
Tu bella ca lu tieni lu pettu tunnu
nun sacciu ci su’menne o su cutugna

Maria ti chiammi tu, ci bellu nommi
Stu nommi ti l’ha mmisu la madonna.

Stateve citte, stateve ’n sulenzia
vogghiu ca vuje sintiti lu mia cantare.

Bell’è lu mare e bella la marina
bella è la figghia di lu marinaru.

La ni la ninina la ni ninna
Ha detto l’amuri miu staseri vena

Marane e marangelle vogghiuu chiantari
Nu limuncellu pi lu beni mia

Bella d’intra li belle tu bella sei
ca de li belle tu puorti la palma

Tu rondine ca rundini lu mare
ferma quandu ti dicu doje parole.
Track Name: Mi votu e mi rivoto
MI VOTU E MI RIVOTU
                      (Tradizionale)
Mi votu e mi rivotu suspirannu,
passu li notti 'nteri senza sonnu,
e li biddizzi tòi iu cuntimplannu,
li passu di la notti sinu a ghiornu,
Pi tia non pozzu ora cchiu durmiri,
paci non havi chiù st'afflittu cori.
Lu sai quannu ca iu t'aju a lassari
Quannu la vita mia finisci e mori.
Lu sai quannu ca iu t'aju a lassari
Quannu la vita mia finisci e mori.

Palumma ca camini maru maru
ferma quannu ti rico ddui paroli
quannu ti rico ri na pinna pristari
quannu fazzu na littra a lu miu amuri
li littri ti li mannu a tri a dui
risposta ca ri tia nnun'aiu mai
unni si persi la carta pi vui
oppuri mente scriviri nun sai
Mi votu e mi rivotu suspirannu,
passu li notti 'nteri senza sonnu 
Track Name: Sto 'pa kai s'to xanalew (στο πα και στο ξαναλεω)
sto pa kai sto ksanaleo
sto gialo min katebeis
ki o gialos kanei fourtouna
kai se parei kai diaveis

ki an me parei pou me paei
kato sta vathia nera
kano to kormi mou varka
ta herakia mou koupia
to mandili mou panaki
mbainobgaino sti steria

sto pa kai sto ksanaleo
mi mou grafeis grammata
giati grammata den ksero
kai me pianoun klamata
Track Name: Oh Gorizia, tu sei maledetta
Oh Gorizia, tu sei maledetta.

La mattina del cinque di agosto
si muovevano le truppe italiane
per Gorizia, le terre lontane
e dolente ognun si partì.

Sotto l'acqua che cadeva a rovescio
grandinavano le palle nemiche;
su quei monti, colline e gran valli
si moriva dicendo così:

O Gorizia, tu sei maledetta
per ogni cuore che sente coscienza;
dolorosa ci fu la partenza
e il ritorno per molti non fu

O vigliacchi che voi ve ne state
con le mogli sui letti di lana,
schernitori di noi carne umana,
questa guerra ci insegna a punir.

Voi chiamate il campo d'onore
questa terra di là dei confini;
qui si muore gridando: assassini!
maledetti sarete un dì.

Cara moglie, che tu non mi senti
raccomando ai compagni vicini
di tenermi da conto i bambini,
che io muoio col suo nome nel cuor.

O Gorizia, tu sei maledetta
per ogni cuore che sente coscienza;
dolorosa ci fu la partenza
e il ritorno per molti non fu.
Track Name: Loch Lomond
Loch Lomond

By yon bonnie banks and by yon bonnie braes,
Where the sun shines bright on Loch Lomond
Where me and my true love were ever wont to be,
On the bonnie bonnie banks of Loch Lomond.

Oh! Ye'll take the high road, and I'll take the low road,
And I'll be in Scotland afore ye,
But me and my true love will never meet again,
On the bonnie, bonnie banks of Loch Lomond.

Oh! You'll take the high road, and I'll take the low road,
And I'll be in Scotland before ye,
But me and my true love will never meet again,
On the bonnie, bonnie banks of Loch Lomond.

The wee birdies sing, And the wild flowers spring,
And in sunshine the waters sleeping.
But the broken heart will ken, No second spring again,
Though the waeful may cease frae their greeving.

Oh! You'll take the high road, and I'll take the low road,
And I'll be in Scotland before ye,
But me and my true love will never meet again,
On the bonnie, bonnie banks of Loch Lomond.
Track Name: Fiume amaro
FIUME AMARO

Είναι μεγάλος ο γιαλός
είναι μακρύ το κύμα
είναι μεγάλος ο καημός
κι είναι πικρό το κρίμα

Ποτάμι μέσα μου πικρό
το αίμα της πληγής σου
κι από το αίμα πιο πικρό
στο στόμα το φιλί σου

Lunga è la spiaggia e lunga è l'onda,
l'angoscia è lunga, non passa mai.
Cade il mio pianto sul mio peccato,
sul mio dolore, che tu non sai.

È un fiume amaro dentro me,
il sangue della mia ferita,
ma ancor di più, è amaro il bacio
che sulla bocca tua, mi ferisce anco
Track Name: The wild mountain thyme
wild mountain thyme

Oh, the summer time is coming,
And the trees are sweetly blooming,
And the wild mountain thyme
Grows around the blooming heather
Will you go, lassie, go?

And we'll all go together
To pick wild mountain thyme
All around the blooming heather,
Will you go, lassie, go?

I will build my love a bower
By yon clear and crystal fountain,
And on it I will pile,
All the wild flowers of the mountain.
Will you go, lassie, go?

And we'll all go together
To pick wild mountain thyme
All around the blooming heather,
Will you go, lassie, go?



If my true love, were to leave me,
I will surely find another
To pick wild mountain thyme
All around the blooming heather.
Will you go, lassie, go?



Oh, the summer time is leaving
And the trees are swiftly turning
And the wild mountain thyme
Grows around the blooming heather.
Will you go, lassie, go?

And we'll all go together
To pick wild mountain thyme
All around the blooming heather,
Will you go, lassie, go?
Will you go, lassie, go?
Will you go, lassie, go?
Track Name: Tri martolod yaouank
Tri martolod yaouank...tra la la la di ghetra
Tri martolod yaouank o vonet da veajiñ

O vonet da veajiñ, gê!
O vonet da veajiñ

Gant 'n avel bet kaset... tra la la la di ghetra
Gant 'n avel bet kaset beteg an Douar Nevez

Beteg an Douar Nevez, gê!
Beteg an Douar Nevez

E-kichen mein ar veilh tra la la la di ghetra
E-kichen mein ar veilh o deus mouilhet o eorioù


O deus mouilhet o eorioù, gê !
O deus mouilhet o eorioù


Hag e-barzh ar veilh-se tra la la la di ghetra
Hag e-barzh ar veilh-se e oa ur servijourez


Tri martolod yaouank...tra la la la di ghetra
Tri martolod yaouank o vonet da veajiñ
Track Name: Mo ve la bella mia
Mo ve' la bella mia dalla muntagna

porta li mele a spalla allu paiese

porta li mele a spalla allu paiese

Fa subbeto bella mia allu merchete

Li mele vamm'a venne tutte quante

Li mele vamm'a venne tutte quante

Oilè oilà lu bene mio 'mpazzì me fa

Oilè oilà lu bene mio 'mpazzì me fa.
Track Name: Casca la liva
Casca la liva

Nebbia alla valle e nebbia a la muntagne,
per le campagne nen ce sta nisciune,
addio, addio amore, casca e se coje
la liva e casca all'albere le foje

Casca la liva e casca la ginestra,
casca la liva e le frunne alle ginestre,
addio, addio amore, casca e se coje
la liva e casca all'albere le foje,
addio, addio amore, io vado via,
amara terra mia, amara e bella.
Track Name: Highland faery lullaby
Highland lullaby



I left my baby lying here,
Lying here, a-lying here,
I left my baby lying here
To go and gather (?)-o.

Hò-bhan, hò-bhan, Goiridh òg O
Goiridh òg O, Goiridh òg O
Hò-bhan, hò-bhan, Goiridh òg O
I never find my baby, oh!

Fhuair mi lorg an dóbhrain duinn,
An dóbhrain duinn, an dóbhrain duinn,
Gu'n d'fhuair mi lorg an dóbhrain duinn;
'S cha d'fhuair mi lorg mo chóineachain!

Hò-bhan, hò-bhan, Goiridh òg O
Goiridh òg O, Goiridh òg O
Hò-bhan, hò-bhan, Goiridh òg O
I never find my baby, oh!

I heard the curlew crying far,
Crying far, a-crying far,
I heard the curlew crying far
But ne'er a sign of baby-o.

Hò-bhan, hò-bhan, Goiridh òg O
Goiridh òg O, Goiridh òg O
Hò-bhan, hò-bhan, Goiridh òg O
I never find my baby, oh!
Track Name: Kali nifta
Kali nifta

Ti en glìcea tu si nìfta, ti en 'oria
C' evo è piònno pensèonta ss'esèna,
C'ettu mpì sti' ffenèstra-su, agàpimu,
Sti kardia-mu su nìfto ti ppèna.

Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala
Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala

Evo panta se sèna pensèo
Jatì sèna, fsixì-mu 'ngapò
Ce pu pào, pu sìrno, pu stèo,
'sti kardia-mu pànta sèna vastò.

Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala

Citta 'steràcia, pu pànu, me viègone
Ce 'so fèngo krivinni ss'emèna,
Ma èxi cini respundèone:
"Ta travùdia-su in òla xamèna".

Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala

Ma isu mai m'agapise oriamu
Essu ponise mai àzemena
Mal citt'orio alixi su enonize
Ma mu taloja agapi vlòimena

Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala

Kalì nìfta se finno ce pào,
Plaja 'su ti vò pirta prikò,
Ce pu pào, pu sìrno, pu stèo,
Sti kkardia-mu panta sena vastò.

Lalalalalallallero lalalalalalala
lalalalalallallero lalalalalalala